Come pulire la cappa della propria cucina in acciaio

Come pulire la cappa della propria cucina in acciaio

La cappa della cucina è forse uno degli elettrodomestici più usati quotidianamente, è anche per questo che è importante pulirla adeguatamente, per evitare la proliferazione di germi e batteri.

La pulizia periodica di questo oggetto, infatti, non solo previene la formazione di cattivi odori, ma ne garantisce il funzionamento a lungo termine, grazie ad un’attenta e costante manutenzione.

Ma vediamo, nel dettaglio, come pulire la cappa, tenendo conto che quest’ultima è costituita da due oggetti principali: la griglia e il filtro.

Come pulire la cappa della cucina concretamente? L’oggetto può essere igienizzato con prodotti naturali?

La cappa della cucina (anche quella in acciaio), come detto precedentemente, è composta dalla griglia e dai filtri dell’aria; questi ultimi, in particolare, servono per filtrare, purificare e far uscire l’aria proveniente dalla cucina.

La griglia della cappa, invece, è anch’essa una componente fondamentale della cappa e per questo deve essere pulita almeno 1/2 volte a settimana, preferibilmente con prodotti naturali come l’aceto e il bicarbonato di sodio. Per igienizzarla a fondo, ti consigliamo comunque di smontare la griglia dalla cappa per lavarla, chiamando, se necessario, un esperto.

Anche la pulizia dei filtri è molto facile, facendo tuttavia una distinzione fondamentale tra cappa aspirante e cappa filtrante: la prima comunica con l’esterno, nel senso che i fumi aspirati nella cucina vengono mandati direttamente all’esterno della casa; la seconda, invece, non è collegata con l’esterno, e di conseguenza si limita a purificare l’aria della cucina tramite un filtro speciale, rimandandola tuttavia all’interno della stanza.

Date queste differenze sostanziali tra la cappa aspirante e filtrante, è possibile notare come il filtro della prima può essere tranquillamente smontato e lavato a mano; mentre il filtro della cappa filtrante non può essere lavato a parte, ma deve essere semplicemente sostituito ad intervalli periodici, ogni 3 mesi circa.

Per pulire la cappa, dunque, non è necessario ricorrere a detersivi o altri prodotti chimici, ma è sufficiente realizzare una soluzione naturale da stendere con l’aiuto di una spugna, avendo cura di risciacquare e asciugare la cappa dopo il passaggio della spugna, per rimuovere le incrostazioni più ostinate. In alternativa al bicarbonato, puoi usare una miscela di acqua e aceto: una soluzione che ti aiuterà a disinfettare la cappa rimuovendo lo sporco più difficile.

Lo stesso metodo può essere usato per pulire la cappa in acciaio; vediamo dunque come fare.

Come si effettua la pulizia della cappa in acciaio?

L’acciaio è uno dei materiali più resistenti e intaccabili, per questo l’arredamento moderno prevede diversi modelli di cappe in acciaio, un materiale peraltro molto facile da pulire e disincrostare.

Per pulire l’acciaio della cappa, oltre ai prodotti specifici facili da reperire, può essere usato anche lo stesso metodo con ingredienti naturali sopra indicato, che prevede l’uso di bicarbonato e acqua. In questo caso, tuttavia, per rendere l’acciaio lucido e dargli nuovo vigore, ti consigliamo di aggiungere all’acqua e al bicarbonato un po’ di sapone liquido, ad esempio un comune detersivo per piatti, in modo da passare la miscela con l’aiuto di una spugna umida e finire la pulizia passando un panno umidificato con qualche goccia di limone (quest’ultimo trucco ti permetterà di ridare lucentezza e luminosità alla cappa in acciaio).

Lo stesso discorso, naturalmente, vale anche per la pulizia dell’acciaio arrugginito della cappa che, come vedremo in seguito, può essere effettuata con prodotti completamente naturali.

Come pulire l’acciaio della cappa in caso di ruggine?

Gli elettrodomestici a contatto con l’acqua o con i vapori, come appunto la cappa della cucina, sono spesso esposti alla ruggine. Come fare, dunque, per restituire all’acciaio della cappa la bellezza di un tempo?

La risposta a questa domanda è semplice: per scrostarla è sufficiente usare una soluzione di limone e sale, passando la miscela sull’acciaio arrugginito e lasciandolo agire per 30 minuti circa.

Al termine la cappa deve essere pulita con una spugna umida, avendo poi cura di lucidare la superficie con un panno asciutto e pulito.

Come pulire ed eliminare i cattivi odori dalla cappa in acciaio

Capita spesso che la lucentezza dell’acciaio si spenga e tenda ad emanare un cattivo odore; in questi casi si può usare la cipolla.

Sarà molto strano a dirlo, ma la cipolla è un efficace rimedio naturale: basta, infatti, tagliarla a metà con l’aiuto di un coltello, cospargerla di zucchero fine e passarla sopra la cappa in acciaio. Quest’ultimo metodo, oltre a donare nuova lucentezza alla tua cappa, sarà anche un’ottima soluzione contro i cattivi odori.