Come pulire la lavastoviglie: 5 consigli per mantenerla sempre come nuova

Come pulire la lavastoviglie: 5 consigli per mantenerla sempre come nuova

Da quando hai acquistato la lavastoviglie, non puoi più farne a meno, perché piatti e stoviglie sono puliti e brillanti, asciutti e pronti per essere utilizzati, vero?

Se ti stai domandando come pulire la lavastoviglie, scoprirai che utilizzando una soluzione di componenti naturali, la tua lavastoviglie sarà sempre pulita e igienizzata: ecco 5 consigli per mantenerla sempre come nuova e al meglio delle sue prestazioni.

Come disinfettare la lavastoviglie in modo naturale

Con i lavaggi ripetuti e il passare del tempo, all’interno della lavastoviglie si accumulano residui di cibo, grasso, batteri e muffe, principali responsabili dei cattivi odori.

Ad oggi, in commercio sono disponibili diversi prodotti specifici per disinfettare la lavastoviglie ma, da un lato, sono piuttosto aggressivi, poiché contengono elementi chimici e, dall’altro, hanno un costo elevato.

In molti si domandano come sgrassare la lavastoviglie in modo naturale: il primo consiglio è quello di eseguire, ogni settimana, un lavaggio breve a vuoto, solamente con aceto, da inserire direttamente nel cestello.

Questo metodo consentirà di mantenere le pareti interne pulite e igienizzate e risolverà anche il problema di come pulire la lavastoviglie dal calcare, un accumulo di sostanze minerali contenute nell’acqua, pericoloso per il buon funzionamento dell’elettrodomestico.

L’aceto è il principale nemico del calcare; utilizzando un panno in microfibra inumidito d’acqua e imbevuto nell’aceto, puoi strofinare delicatamente le superfici interne della lavastoviglie, assicurandoti di non tralasciare gli angoli, in cui lo sporco si annida più facilmente.

Il secondo consiglio su come pulire la lavastoviglie in modo naturale riguarda la corretta detersione del filtro, che durante ogni lavaggio raccoglie i residui di cibo ed è, spesso, il principale responsabile dell’intasamento della lavastoviglie.

Come pulire il filtro della lavastoviglie

Il filtro è posizionato, di solito, sulla parete di fondo della lavastoviglie; una volta estratto dal suo alloggiamento, noterai una poltiglia scura e maleodorante, che dovrai gettare nell’umido, aiutandoti con uno spazzolino che non usi più.

Per pulire il filtro in modo ottimale, lavalo con acqua calda corrente, strofinando le parti interne ed esterne con lo spazzolino, imbevuto in un composto di aceto, bicarbonato e succo di limone. Come sempre, questa soluzione di ingredienti naturali si rivelerà la più efficace e vedrai che questo piccolo cilindro tornerà come nuovo: anche piatti e stoviglie non avranno più aloni e saranno luccicanti e detersi alla perfezione.

Prima di riposizionare il filtro nel suo alloggiamento, assicurati di aver pulito per bene anche il bordo esterno del foro in cui il filtro va inserito, utilizzando un panno morbido imbevuto in un po’ di aceto.

Come pulire l’alluminio annerito in lavastoviglie

Il terzo consiglio riguarda il ripristino dell’alluminio all’interno della lavastoviglie, che tende ad annerirsi con il tempo.

Anche in questo caso, un panno morbido e pulito, imbevuto in un mix di acqua tiepida, aceto, bicarbonato e, se vuoi , qualche goccia di limone, ti aiuterà a ottenere un alluminio come nuovo. Poiché la lamina è piuttosto sottile e delicata, dovrai avere l’accortezza di non strofinare troppo forte, perché potresti inavvertitamente danneggiarla.

SOS, come sturare la lavastoviglie intasata

Potrebbe capitare, alcune volte, di affrontare la problematica dell’intasamento del pozzetto all’interno della lavapiatti. Come fare a sturare la lavastoviglie? Prima di tutto, devi sapere che la causa di tale problematica risiede nell’accumulo di residui di cibo, detersivo, grasso e calcare.

Come pulire la lavastoviglie intasata? Rimuovi cestelli e filtro, applicando nel pozzetto un mix di acqua calda ma non bollente, aceto e bicarbonato di sodio, attendendo circa mezz’ora prima di eseguire una pulizia completa mediante un panno in microfibra morbido e pulito.

Il quarto consiglio è, quindi, quello di pulire integralmente ogni parte della lavastoviglie, insistendo sul pozzetto intasato, che impedisce il normale funzionamento del ciclo di lavaggio, determinando pericolose fuoriuscite d’acqua.

Nel caso in cui tale metodo dovesse risultare insufficiente, puoi applicare un disgorgante non aggressivo e specifico per lavastoviglie.

Se anche questa soluzione non dovesse funzionare, sarà il caso di rivolgersi a professionisti nella riparazione di elettrodomestici.

Quinto consiglio: occhio alla prevenzione

L’ultima raccomandazione riguarda la prevenzione: per mantenere la lavastoviglie sempre al meglio delle sue prestazioni, pulisci le pareti interne una volta a settimana con un panno imbevuto di aceto, e versa quest’ultimo ogni quattro o cinque lavaggi; in questo modo la lavastoviglie durerà a lungo e le stoviglie saranno perfette.